Blog

COME NASCE IL QUAD?

Vi siete mai chiesti quale sia il percorso che ha portato all’invenzione dei Quad? Ebbene abbiamo deciso di dedicare questo articolo all’invenzione delle fantastiche macchine con le quali realizziamo le nostre escursioni qui in Piemonte!

Tutto inizia in Canada, nei primi anni 60’, dove in seguito ad alcune modifiche alle vetture dei campi da golf, pensate per affrontare i terreni più impervi specialmente durante i periodi di pioggia, nascono i primi ATV (All Terrain Vehicles), gli antenati dei Quad.

Tali mezzi erano caratterizzati da una particolare agilità, accompagnata da grande compattezza e resistenza, progettati addirittura per percorrere brevi tratti di navigazione.

In pochi anni questi veicoli si sono diffusi in tutta l’America del Nord, per poi diffondersi in Europa all’inizio degli anni 70’, il primo prototipo arrivato in Italia venne presentato dalla “Weston” di Rubiera e prese il nome di Anaconda, che tuttavia non prese piede e venne sostituito dalla produzione in serie del primo vero modello arrivato nel paese: il “Boomerang”.

L’ATV era tuttavia un mezzo dotato di scarsa velocità, la motricità infatti, basata su quattro, sei, otto o addirittura 12 ruote, veniva gestita in modo simile ai cingolati, con due leve frenanti per le ruote di sinistra e quelle di destra, mentre la motorizzazione era di derivazione motociclistica con un propulsore a due tempi.

Fu così che dopo qualche decennio in cui l’ATV perse il suo fascino che, poco dopo il 2000, il mezzo venne riconcepito sottoforma dei moderni Quad, perdendo le caratteristiche anfibie del passato accentuando le potenzialità motociclistiche.

Ora questo straordinario veicolo (considerato in modo riduttivo una “moto a 4 ruote” quando in realtà abbiamo scoperto come il suo percorso abbia origini molto più caratteristiche) viene utilizzato principalmente come svago, come nel nostro caso, per le fantastiche escursioni in quad tra le colline della provincia di Alessandria.